Premio Manzoni 2018, i tre finalisti

13
Set, 2018
Premio Manzoni 2018, i tre finalisti

Premio Manzoni, i finalisti del premio letterario

I finalisti della tredicesima edizione del Premio Letterario Manzoni – Città di Lecco al Romanzo Storico, sono tre romanzi il cui filo conduttore è l’animo femminile.

Le assaggiatrici” di Rosella Postorino edito da Feltrinelli, “La ragazza di Marsiglia” di Maria Attanasio, Sellerio e “L’ultima patria” edito da Mondadori, di Matteo Righetto. A ottobre 2018 alla Casa dell’Economia di Lecco si terrà la manifestazione conclusiva del Premio Manzoni.

Ora la parola passa alla giuria popolare!

I FINALISTI

Le assaggiatrici, Rosella Postorino

Con una rara capacità di dare conto alle ambiguità dell’animo umano, Rosella Postorino, ispirandosi alla storia vera di Margot Wölk (assaggiatrice di Hitler nella caserma di Krausendorf) racconta la vicenda eccezionale di una donna in trappola, fragile di fronte alla violenza della storia, forte dei desideri della giovinezza.

La ragazza di Marsiglia, Maria Attanasio

Il ritratto dell’unica donna che partecipò all’impresa dei Mille: l’immagine del Risorgimento perduto, della sua parte sconfitta e più bella, in un romanzo sulla libertà di pensiero.

L’ultima patria, Matteo Righetto 

È il 1898, un freddo mese di novembre. Sulle arcigne montagne tra l’altopiano di Asiago e la val Brenta, a Nevada, gli abitanti sono ormai quasi del tutto scomparsi: la maggior parte di loro, oppressa da una spaventosa povertà, ha abbandonato i luoghi d’origine per emigrare in America in cerca di fortuna. Jole ha compiuto vent’anni e cresce sempre più bella mentre la sua giovane sorella Antonia ha seguito la vocazione religiosa e ha deciso di farsi monaca; il fratellino Sergio è preda di strani tremori dovuti a una causa misteriosa e viene affidato alle cure della “Santa”, la guaritrice di un paese vicino. La momentanea apparente quiete della zona viene sconvolta quando entrano in azione due banditi che hanno intercettato il tesoro di lingotti guadagnati dal capofamiglia Augusto nel vecchio contrabbando con l’Austria-Ungheria. Jole si troverà da sola a fronteggiare il disastro: mossa da una sete di vendetta e armata soltanto del fucile paterno, si lancerà con l’inseparabile destriero Sansone sulle tracce degli assassini per fare giustizia. Ad accompagnarla saranno ancora una volta il vento e le stelle, che la circondano in uno scenario mozzafiato. Durante l’inseguimento, Jole attraverserà all’ultimo respiro boschi e paesi innevati e supererà continue difficoltà, senza mai perdere la determinazione che la contraddistingue, in accordo con la magia della natura e la fedeltà ai propri valori, lungo un viaggio che la costringerà ad andare molto più lontano di quanto avesse mai immaginato. “L’ultima patria” è il secondo romanzo della “Trilogia della Patria”.

RECENT POSTS


Leave a reply Required fields are marked *