Fred Vargas, Tempi Glaciali

20
Lug, 2015
Fred Vargas, Tempi Glaciali

«Conosceva Adamsberg da abbastanza tempo per sapere che, nel suo caso, la parola “riflettere” non aveva alcun significato. Adamsberg non rifletteva, non si sedeva da solo a un tavolo, impugnando una matita, non si concentrava davanti a una finestra, non ricapitolava i fatti su un tabellone, con frecce e cifre, non appoggiava il mento su una mano. Vagolava, camminava senza far rumore, ciondolava da un ufficio all’altro, commentava, andava avanti e indietro a passi lenti, ma nessuno l’aveva mai visto riflettere. Sembrava un pesce alla deriva».

Rieccolo! Jean-Baptiste Adamsberg, il commissario più stravagante dell’Anticrimine del tredicesimo arrondissement di Parigi, che con il suo fascino da sognatore e quell’aria distratta conquista il cuore di tutti noi lettori. Adamsberg, lo «spalatore di nuvole» del corpo di polizia parigino, incapace di ragionamenti logici ma dotato di una sensibilità e un intuito infallibili, entra di nuovo nelle nostre case, nelle nostre orecchie e ci conduce in una nuova rocambolesca indagine, questa volta fino in Islanda. Tutto inizia con il ritrovamento di due corpi e la scoperta di uno strano scarabocchio accanto a ciascuno di essi, un simbolo, una chiave indecifrabile… Due apparenti suicidi per i quali si mobilita tutta la squadra dell’Anticrimine, capitanata dal commissario più svagato di sempre (irresistibile!).

Non è che l’avvio di un’avventura che, inseguendo indizi, fantasie e leggende, finirà per snodarsi per mezza Europa, tra le fila di una setta di adepti della Rivoluzione francese e una gita sui ghiacci dell’Islanda.

Visionaria in modo straordinario e naturale, Fred Vargas ha la capacità di indagare chirurgicamente la psicologia dei personaggi e immergere il lettore in ambienti e luoghi ricostruiti con la meticolosità e passione della ricercatrice.

«Il poliziesco è una specie di favola, ironica o tragica o cerebrale. Non sopporto i gialli ultraviolenti che raccontano crimini complicatissimi (che nella realtà non esistono): un delitto è sempre semplice». La narratrice francese lo dimostra nelle sue pagine e consegna al lettore, anche questa volta, un romanzo nitido, variopinto, un giallo dal sapore della favola.

Fred Vargas, Tempi glaciali, Einaudi. Euro 20,00

Trovate le nostre recensioni anche nella rubrica de Il Flâneur, magazine lecchese interamente
dedicato a eventi, mostre, spettacoli e concerti in programma nella provincia di Lecco.

Leave a reply Required fields are marked *